Starico + Gameplay.it
La lente della nonna
Immagine di La lente della nonna

La lente della nonna

La lente della nonna

La lente della nonna (Grandma’s Reading Glass) è un film apparentemente di semplice realizzazione, ma per l’epoca davvero complesso. Innanzitutto per la quantità di inquadrature: 10, che quali si alternano tra l’utilizzo della visuale in soggettiva (con mascherina nera circolare sull’obiettivo, per emulare la lente d’ingrandimento) e un campo medio che mostra la nonna con il nipote intenti a osservare alcuni soggetti. Proprio grazie a questa alternanza, Smith riesce a costruire una connessione logica tra le inquadrature.

Questo film è molto importante per la storia del cinema, in particolare perché è stato il primo in assoluto a presentare l’inquadratura in soggettiva, ovvero una ripresa dal punto di vista di uno dei personaggi. In questo caso il ragazzino passa da personaggio inquadrato a operatore cinematografico. La macchina da presa acquisisce quasi vita nel corpo del ragazzino, diventando un’estensione del suo corpo: i suoi occhi. L’effetto finale è assolutamente sorprendente.

Oltre alla mancanza di un piano narrativo, il limite evidente del film è la resa approssimata delle prospettive. Le scene in primo piano non sono assolutamente proporzionate a come apparirebbero nella realtà. Il ragazzino osserva il canarino e l’occhio della nonna dalla stessa distanza, ma vengono rese in modo totalmente diverso (da vicino l’occhio della nonna e da lontano il canarino).

La lente della nonna è stato anche il primo film a mostrare un gattino sullo schermo. Smith riproporrà il gattino rendendolo protagonista di un altro film che riscosse un notevole successo, Il gattino malato del 1903.

Curiosità

  • Come era consuetudine all'epoca (e ancora oggi in realtà) calcando l'onda del successo di questo film, in america venne girato un remake della Biograph: Grandpa's Reading Glass.
  • Il film rappresenta il capostipite di una serie di film molto in voga nei primi anni del 900, che vennero chiamati Keyhole films, proprio a causa della mascherina a forma circolare applicata sullo schermo per suggerire la visione attraverso un binocolo o una serratura.
  • L'occhio della nonna inquadrato da vicino, è abbastanza evidentemente quello di un uomo. Questo fa pensare che anche la nonna fosse in realtà un uomo travestito da donna.